Street Art. Una Roma in più. / 5 agosto 2015

Ormai a Roma non è più qualcosa di nicchia e neanche più una moda. La Street Art è diventata una realtà perfettamente inserita nel tessuto urbano di una città che pulsa di voglia di nuovo. E così Roma non si presta più solamente come capitale dell’archeologia e scrigno di ruderi e rovine di prezioso interesse per turisti da tutto il globo, ma anche come museo d’arte contemporanea a cielo aperto.

Roma è oggi la prima città italiana per numero di opere e afflusso di artisti internazionali come Clemens Behr, Herbert Baglione, MOMO, ma anche italiani e soprattutto romani, come Hitnes, Lucamaleonte, Alice Pasquini, Sten Lex, Agostino Iacurci, Jerico.

Dalla scorsa Primavera, ci sono una mappa, distribuita nei PIT (punti turistici informativi) della città, e una app che si chiama “StreetArt Roma” ed è disponibile gratuitamente su AppStore e Google Play (realizzata da Artribune con il supporto di Toyota e il patrocinio dell’Assessorato Cultura e Turismo: in base alla propria posizione identifica le opere più vicine, calcola il percorso da fare e permette di costruire percorsi ad hoc.)

Street Art Rome è un progetto no profit curato da NUfactory che mira ad offrire una digitalizzazione quanto più completa delle opere murarie presenti nella città di Roma. “Il progetto – dice Francesco Dobrovich, fondatore di NUfactory e Direttore di OUTDOOR, Festival nato nel 2010, la cui prossima edizione si terrà in Ottobre – punta ad una digitalizzazione delle opere di Street Art attraverso una catalogazione di immagini, integrate con approfondimenti critici su opere e artisti ed ha come obiettivo di posizionare la città di Roma ai primi posti in Europa per numero di opere digitalizzate sulla piattaforma di Google, al seguito di Parigi e Londra”. Street Art Rome offre strumenti dinamici e promuove il lavoro artistico ma anche produttivo e curatoriale dei soggetti che operano a Roma, attraverso una mappa estesa delle opere e una rete di condivisione di saperi che coinvolge anche critici, operatori, video maker, fotografi e semplici appassionati.